L’orari delle s. Messe ed informazioni pastorali 

Carissimi Ospiti, un caloroso benvenuto a tutti Voi che avete scelto di trascorrere in mezzo a noi le vacanze, il tempo dedicato alle cure fisiche, ricaricare “le pile” negli stabilimenti termali e con le passeggiate nelle Crete Senesi godersi della bellezza di questo posto.

A nome della nostra Parrocchia e del Consiglio Pastorale vi auguriamo un bene infinito che il Signore ci ha donato nelle bellezze del creato e vi invitiamo a visitare le nostre chiese ed a partecipare alle nostre iniziative pastorali.

Buon riposo e buona vacanza

La parrocchia di s. Maria Assunta celebra le s. Messe festive:

  • Chiesa Parrocchiale: s. Maria Assunta, via Dei Monaci, 11 – Centro Storico
  • sabato alle ore 18.00
  • domenica alle ore 11.00
  • Chiesa di s. Francesco: via Libertà, 6
  • domenica alle ore 9.00 (cartina di sotto)

  • i giorni feriali dal lunedì al venerdì nella Cappella delle Suore in via U. Foscolo, 24 alle ore 18.00

Le celebrazioni nella Parrocchia s. Maria Assunta

Arcipretura di s. Maria Assunta: 334 9223102; @: rapolano@tim.it 

INTENZIONI DELLE S. MESSE

Ricordiamoci dei nostri defunti…

Non sappiamo fra quanto tempo, ma un giorno, i nostri nomi di battesimo verranno silenziosamente pronunciati in questo momento augusto della liturgia. La Messa è il Memoriale perenne che Cristo ha messo nelle nostre mani: il Corpo di Cristo è la caparra della vita eterna, il suo Sangue è la remissione dei nostri peccati. L’Agnello di Dio toglie il peccato del mondo: è vinta la morte, è rimesso e cancellato il peccato. E allora ti diciamo: Ricordati dei nostri fratelli e sorelle, che si sono addormentati nella speranza della Risurrezione e di tutti i defunti che si affidano alla tua clemenza, ammettili a godere la luce del tuo volto (Canone II). Questa preghiera viene recitata dal sacerdote a nome di tutti i fedeli. Siamo dunque lì tutti attorno all’altare e tutti innalziamo al Padre questa accorata preghiera, insieme a Gesù. Non esiste intercessione più grande di questa in favore dei nostri defunti.

Che cosa dunque chiediamo al Padre celeste? Lo supplichiamo di scontare benevolmente i debiti che i defunti devono pagare per uscire dal Purgatorio ed entrare in Paradiso. E sì, perché quando uno muore in grazia di Dio, ha sempre qualche residuo di pena o di conto da pagare, o macchie da pulire, o polvere da eliminare.

Le anime che passano per il Purgatorio soffrono grandemente perché non possono ancora essere ammesse alla visione beatifica della SS. Trinità, che esse hanno appena intravisto: allo specchio della loro coscienza, non si vedono ancora così pure e sante da essere introdotte al cospetto del Dio altissimo. E tutto ciò devono sopportare per essere purificate e poter indossare la veste nuziale.

Qui possiamo intervenire noi che crediamo nella vita eterna e nella Risurrezione. Per questo bisogna ricorrere ai meriti di Gesù, unico Salvatore dei vivi e dei defunti. Ma è soprattutto nella Santa Messa che noi presentiamo al Padre i nostri defunti, perché, per il prezioso Sangue di Cristo, tutti i defunti, secondo il beneplacito del Padre, vengano rivestiti della veste nuziale e così far festa con tutti gli angeli e i santi. Tutto ciò viene operato nella Santa Messa.

Quanto chiediamo nella celebrazione eucaristica non è soltanto in favore di coloro che si sono addormentati nella speranza della Risurrezione, ma anche di tutti gli altri defunti che nel loro cuore, prima di morire, si sono pentiti dei loro peccati e si sono affidati alla clemenza di Dio. E quale grazia chiediamo al Padre? Lo supplichiamo di ammetterli a godere la luce del suo volto.

Preghiamo dunque per le anime sante del Purgatorio, soprattutto con la Santa Messa. Esse, una volta in Paradiso, sapranno ricompensarci. Ci fu sempre insegnato che non c’è preghiera più efficace per noi e per le anime del Purgatorio che la Santa Messa. Perché lì c’è Gesù in persona che si offre per noi al Padre: è lui che prega per noi con un valore infinito.

Che non manchino nelle famiglie s. messe per i defunti. No lasciamo i nostri cari senza l’unico aiuto spirituale che a loro apre le porte del paradiso.

Una s. Messa offerta con devozione e conversione nostra può dare il Paradiso e la gioia eterna al defunto.

 

Campanile della Pieve 

Dopo lunga storia della Pieve e le sue vicende oggi nel 2019 dopo 11 secoli, la nostra Pieve si fa sentire. La sua voce non è quella delle mass media e delle social media, ma una voce dolce e soave della maestosità del luogo dove uomini di fede hanno costruito un’icona del paese e casa di Dio in mezzo al popolo santo di Dio. Ci hanno donato un luogo di preghiera, cultura e tradizione. In questo storico momento difficile da comprendere, con tutti i cambiamenti mentali e sociali la nostra Pieve chiede il nostro contributo per la ristrutturazione del campanile. Ciascuno può aiutarci con la preghiera e chi ha la possibilità materiale e desidera aiutarci può fare il bonifico bancario sul c/c della Parrocchia. Di sotto riportiamo il numero:

C/C IT 49 E 01030 71980 000000 396214

Parrocchia Santa Maria Assunta

Prego cortesemente scrivere la causale:

contributo per il Campanile di s. Vittore.

Grazie a tutti gli uomini di buona volontà e a tutti che comprendono il valore di questo luogo e per la vostra generosa carità abbiamo cominciato il 23.09.2019 i lavori del restauro del campanile. Ecco la fase prima del lavoro terminata:

Invochiamo su tutti la benedizione del Signore e l’intercessione della nostra Madre. Grazie di cuore.