“Non bevo con i soldi d’altre persone”, dice l’ubriacone e si sente assolto da tutte le lacrime che sua moglie, i figli ei genitori versano per suo conto. “Lo voleva lei stessa”, spiega il ragazzo che ha ferito la ragazza con noncuranza, ed è sorpreso che una tale spiegazione possa non convincere qualcuno. “Mi merito qualcosa dalla vita!”, “Penso di avere il diritto di essere felice” – un marito che è malvagiamente assolve quando vuole lasciare sua moglie e i suoi figli; la ragazza che lo ha preso in braccio viene assolta allo stesso modo, aggiungendo l’argomento che “quel matrimonio non ha avuto successo sin dall’inizio”. “Ho dovuto”, dice la donna che ha abortito; “So che è molto brutto”, dice, piangendo, “ma non c’era davvero altra scelta“. Come se in questo mondo di Dio l’uomo avesse mai dovuto fare il male!

E così, all’infinito, si possono trovare varie false scuse con le quali, su suggerimento del diavolo, cerchiamo di assolverci. “Rubare le cose di tutti non è rubare”, si spiegano alcuni, come se un attacco al bene comune non fosse un crimine morale. “Se potesse, farebbe lo stesso con te” – annega il rimorso di suo marito per il suo comportamento da gangster nei confronti del suo collega al lavoro. “Lo fanno tutti”, “ora siamo nel ventesimo secolo”, “il sacerdote parla così perché deve” – ​​ecco un pugno di assoluzione universale che può essere utilizzato per pacificare la coscienza in varie situazioni. Non c’è uomo che possa onestamente dire di se stesso: “Non ho mai chiesto l’assoluzione al diavolo!”

A volte cerchiamo queste assoluzioni non tanto in uno o in un altro falso argomento, ma piuttosto nel chiudere un’occhio su alcune aree della nostra vita e condotta sociale ed ecclesiale. È ancora più conveniente non meditare sul giudizio morale dei nostri atteggiamenti discutibili che inventare l’autogiustificazione. A volte ancora – per assolverci dal fatto che abbiamo acceso una candeletta al diavolo – offriamo anche a Dio una candela: “Guarda, Signore Dio, non sono così male, sto facendo qualcosa di buono anche nella mia vita!” Peggio: una persona a volte cerca di chiamare Dio stesso come testimone di falsa assoluzione. “Gott mit uns” (Dio con noi) è solo una delle tante varianti di questo atteggiamento. “Dio non è certo contro il nostro amore, è solo la Chiesa che ci proibisce di vivere insieme” – non senti queste voci? Oppure: “Dio è misericordioso”, dice il ladro, non mostrando il minimo desiderio di cambiare vita, come se la misericordia di Dio consistesse nel perdonare i peccati. Oppure: “Le Scritture non dicono da nessuna parte che questo è un peccato” – dice qualcuno, il più delle volte a torto. “Ho fatto fare ai miei figli il catechismo ed i sacramenti” – sono credente! Non stupiamoci quindi che anche il sacramento della Penitenza – donataci per ottenere la vera assoluzione – sia usato male. “Il tuo amico, tuttavia, in parte ha ragione”. perché oggi c’è la tentazione di considerare la santa confessione come “un’opportunità per essere liberati dalla responsabilità per il male o per ridurre il sacramento al ruolo di misura di igiene mentale”. E tutti soccombiamo un po’ a una simile tentazione. Ma l’essenza del sacramento è qualcosa di completamente diverso. Anche sui fatti sono ottimista: anche se non sempre lo riceviamo abbastanza profondamente, generalmente con spirito di fede, secondo la sua natura.

Cos’è il Sacramento della Penitenza? Qual è l’assoluzione ivi ottenuta?

Rispondiamo a questa domanda riflettendo sulla seguente qualità: il sacramento della Penitenza obbliga l’uomo a guardare se stesso alla luce della legge morale oggettiva. Portiamo un’avversione istintiva a tali sguardi ed è parzialmente visibile anche durante le nostre confessioni. Vale a dire, il peso della triste verità sulla mia peccaminosità è così grande che inconsapevolmente sopprimo questa verità in me stesso e permetto che solo una parte di essa diventi consapevole. L’uomo non sopporterebbe tutta la verità su se stesso da solo, quindi l’istinto della vita cerca di proteggerci da esso. A volte la pressione di questa verità schiacciante può sopprimere contrasti dell’istinto di vita, ma poi una persona – vedendo tutta la sua meschinità – cade nella disperazione. Di solito, tuttavia, il piccolo realismo ha la precedenza sulla nostra conoscenza di sé, l’uomo crea l’ideale di un uomo onesto, adattato alla sua piccola misura, e si lusinga che, in linea di principio, non si discosta da questo ideale. Qui sta forse la principale fonte dell’ingegnosità con cui cerchiamo la falsa assoluzione. Ebbene, il sacramento della Penitenza ci permette di guardare noi stessi in modo più completo, senza paura di cadere nella disperazione e senza bisogno di cercare una falsa assoluzione. Cioè, mi guardo alla presenza di Cristo, che condanna il mio peccato, ma mi ama lui stesso: se condanna il mio peccato, è per amore verso di me. In questo modo, la resistenza dell’istinto della vita a sopprimere la mia spinta alla conoscenza di sé perde la sua ragion d’essere: Cristo è, dopotutto, il Salvatore che mi porta a conoscermi più pienamente, per aiutarmi a liberarmi dalle varie tenebre che mi rendono difficile essere. completamente umano.

Questa è una grande opportunità. Grazie al sacramento della penitenza, ho l’opportunità di imparare più a fondo e di condannare il mio peccato, e allo stesso tempo non mi travolgerà, perché per questo l’uomo conosce il suo peccato e lo mostra a Cristo per essere guarito da Lui. È un peccato sprecare questa opportunità troppo spesso. Spesso ci confessiamo come “persone oneste”, in cui ci sono molte inibizioni in passato, che rendono difficile conoscere noi stessi. La confessione quindi assomiglia a una purificazione rituale piuttosto che aprirmi a Cristo in modo che possa avvolgermi con la sua luce di guarigione; una tale confessione come se mancasse di ciò che era più importante, come se non fosse del tutto radicata nella mia vita. In casi estremi, qualcuno può confessarsi per ottenere l’accettazione da parte di Cristo di quei peccati di cui non vuole realizzare o che ha scelto di non considerare peccato. Ancora una volta, il sacramento della Penitenza è una grande opportunità per noi. Ed è un peccato sprecarla. È come se un malato di cancro, avendo accesso a un medico che ha ottenuto ottimi risultati nella lotta contro questa malattia, avesse paura di andare da lui, per timore che gli venga detto che ha il cancro; o come se fosse andato dal dottore ma gli avesse tenuto lontani i sintomi della malattia. In un’altra situazione, nascondere il male a se stessi potrebbe avere senso, proteggerebbe contro il crollo, per esempio, ma questo Dottore è in grado di guarire anche la malattia più pericolosa! Meglio vederti peccatore agli occhi di Cristo che onesto nei tuoi. Non solo perché è meglio vedere te stesso nella verità che nella mezza verità. Anche perché Cristo ci ricorda i nostri peccati per amore verso di noi: per rendermi consapevole del mio peccato, per purificarmi e per darmi una vita sempre più piena. Come possiamo vedere, il sacramento della Penitenza perde completamente il suo significato indipendentemente dalla fede in Cristo Salvatore. Ma anche la fede in Cristo il Salvatore grida per sbloccare le inibizioni che limitano la conoscenza di sé sulla nostra peccaminosità. E che il sacramento della Penitenza può essere utilizzato per essere facilmente sciolto dalle responsabilità? Sfortunatamente, non è l’unico bene che può essere abusato o sottoutilizzato. Una corrente elettrica può uccidere un uomo, la fisica ha provocato una bomba atomica tra l’altro, e lo sviluppo di opere di misericordia può chiudere gli astanti ai bisogni dei nostri vicini: “Non ci interessa, ecco perché sono diversi!” Ma dopo tutto, il sacramento della penitenza è esattamente l’opposto: aumentare la responsabilità non solo per le nostre azioni, ma per noi stessi in generale. Poiché l’essenza dell’atteggiamento penitenziale è la volontà di riparare ciò che nel male causato da me può ancora essere riparato, il pentimento per i peccati (non solo emotivo, ma l’intera persona, e quindi espresso, tra l’altro, nell’apertura al potere curativo di Cristo, nel protendersi attivamente alla grazia. sacramentale), una decisione di correggere, cioè basata sulla grazia di Dio, sforzandosi di correggere il mio atteggiamento nella vita. L’assoluzione di Dio non ci assolve dalla responsabilità, ma la attiva. Tuttavia, riduce in noi la necessità di cercare varie apparenti assoluzioni, e queste anche per loro natura soffocano il senso di responsabilità in noi.

“Non bevo con i soldi d’altre persone”, dice l’ubriacone e si sente assolto da tutte le lacrime che sua moglie, i figli ei genitori versano per suo conto. “Lo voleva lei stessa”, spiega il ragazzo che ha ferito la ragazza con noncuranza, ed è sorpreso che una tale spiegazione possa non convincere qualcuno. “Mi merito qualcosa dalla vita!”, “Penso di avere il diritto di essere felice” – un marito che è malvagiamente assolve quando vuole lasciare sua moglie e i suoi figli; la ragazza che lo ha preso in braccio viene assolta allo stesso modo, aggiungendo l’argomento che “quel matrimonio non ha avuto successo sin dall’inizio”. “Ho dovuto”, dice la donna che ha abortito; “So che è molto brutto”, dice, piangendo, “ma non c’era davvero altra scelta“. Come se in questo mondo di Dio l’uomo avesse mai dovuto fare il male!

E così, all’infinito, si possono trovare varie false scuse con le quali, su suggerimento del diavolo, cerchiamo di assolverci. “Rubare le cose di tutti non è rubare”, si spiegano alcuni, come se un attacco al bene comune non fosse un crimine morale. “Se potesse, farebbe lo stesso con te” – annega il rimorso di suo marito per il suo comportamento da gangster nei confronti del suo collega al lavoro. “Lo fanno tutti”, “ora siamo nel ventesimo secolo”, “il sacerdote parla così perché deve” – ​​ecco un pugno di assoluzione universale che può essere utilizzato per pacificare la coscienza in varie situazioni. Non c’è uomo che possa onestamente dire di se stesso: “Non ho mai chiesto l’assoluzione al diavolo!”

A volte cerchiamo queste assoluzioni non tanto in uno o in un altro falso argomento, ma piuttosto nel chiudere un’occhio su alcune aree della nostra vita e condotta sociale ed ecclesiale. È ancora più conveniente non meditare sul giudizio morale dei nostri atteggiamenti discutibili che inventare l’autogiustificazione. A volte ancora – per assolverci dal fatto che abbiamo acceso una candeletta al diavolo – offriamo anche a Dio una candela: “Guarda, Signore Dio, non sono così male, sto facendo qualcosa di buono anche nella mia vita!” Peggio: una persona a volte cerca di chiamare Dio stesso come testimone di falsa assoluzione. “Gott mit uns” (Dio con noi) è solo una delle tante varianti di questo atteggiamento. “Dio non è certo contro il nostro amore, è solo la Chiesa che ci proibisce di vivere insieme” – non senti queste voci? Oppure: “Dio è misericordioso”, dice il ladro, non mostrando il minimo desiderio di cambiare vita, come se la misericordia di Dio consistesse nel perdonare i peccati. Oppure: “Le Scritture non dicono da nessuna parte che questo è un peccato” – dice qualcuno, il più delle volte a torto. “Ho fatto fare ai miei figli il catechismo ed i sacramenti” – sono credente! Non stupiamoci quindi che anche il sacramento della Penitenza – donataci per ottenere la vera assoluzione – sia usato male. “Il tuo amico, tuttavia, in parte ha ragione”. perché oggi c’è la tentazione di considerare la santa confessione come “un’opportunità per essere liberati dalla responsabilità per il male o per ridurre il sacramento al ruolo di misura di igiene mentale”. E tutti soccombiamo un po’ a una simile tentazione. Ma l’essenza del sacramento è qualcosa di completamente diverso. Anche sui fatti sono ottimista: anche se non sempre lo riceviamo abbastanza profondamente, generalmente con spirito di fede, secondo la sua natura.

Cos’è il Sacramento della Penitenza? Qual è l’assoluzione ivi ottenuta?

Rispondiamo a questa domanda riflettendo sulla seguente qualità: il sacramento della Penitenza obbliga l’uomo a guardare se stesso alla luce della legge morale oggettiva. Portiamo un’avversione istintiva a tali sguardi ed è parzialmente visibile anche durante le nostre confessioni. Vale a dire, il peso della triste verità sulla mia peccaminosità è così grande che inconsapevolmente sopprimo questa verità in me stesso e permetto che solo una parte di essa diventi consapevole. L’uomo non sopporterebbe tutta la verità su se stesso da solo, quindi l’istinto della vita cerca di proteggerci da esso. A volte la pressione di questa verità schiacciante può sopprimere contrasti dell’istinto di vita, ma poi una persona – vedendo tutta la sua meschinità – cade nella disperazione. Di solito, tuttavia, il piccolo realismo ha la precedenza sulla nostra conoscenza di sé, l’uomo crea l’ideale di un uomo onesto, adattato alla sua piccola misura, e si lusinga che, in linea di principio, non si discosta da questo ideale. Qui sta forse la principale fonte dell’ingegnosità con cui cerchiamo la falsa assoluzione. Ebbene, il sacramento della Penitenza ci permette di guardare noi stessi in modo più completo, senza paura di cadere nella disperazione e senza bisogno di cercare una falsa assoluzione. Cioè, mi guardo alla presenza di Cristo, che condanna il mio peccato, ma mi ama lui stesso: se condanna il mio peccato, è per amore verso di me. In questo modo, la resistenza dell’istinto della vita a sopprimere la mia spinta alla conoscenza di sé perde la sua ragion d’essere: Cristo è, dopotutto, il Salvatore che mi porta a conoscermi più pienamente, per aiutarmi a liberarmi dalle varie tenebre che mi rendono difficile essere. completamente umano.

Questa è una grande opportunità. Grazie al sacramento della penitenza, ho l’opportunità di imparare più a fondo e di condannare il mio peccato, e allo stesso tempo non mi travolgerà, perché per questo l’uomo conosce il suo peccato e lo mostra a Cristo per essere guarito da Lui. È un peccato sprecare questa opportunità troppo spesso. Spesso ci confessiamo come “persone oneste”, in cui ci sono molte inibizioni in passato, che rendono difficile conoscere noi stessi. La confessione quindi assomiglia a una purificazione rituale piuttosto che aprirmi a Cristo in modo che possa avvolgermi con la sua luce di guarigione; una tale confessione come se mancasse di ciò che era più importante, come se non fosse del tutto radicata nella mia vita. In casi estremi, qualcuno può confessarsi per ottenere l’accettazione da parte di Cristo di quei peccati di cui non vuole realizzare o che ha scelto di non considerare peccato. Ancora una volta, il sacramento della Penitenza è una grande opportunità per noi. Ed è un peccato sprecarla. È come se un malato di cancro, avendo accesso a un medico che ha ottenuto ottimi risultati nella lotta contro questa malattia, avesse paura di andare da lui, per timore che gli venga detto che ha il cancro; o come se fosse andato dal dottore ma gli avesse tenuto lontani i sintomi della malattia. In un’altra situazione, nascondere il male a se stessi potrebbe avere senso, proteggerebbe contro il crollo, per esempio, ma questo Dottore è in grado di guarire anche la malattia più pericolosa! Meglio vederti peccatore agli occhi di Cristo che onesto nei tuoi. Non solo perché è meglio vedere te stesso nella verità che nella mezza verità. Anche perché Cristo ci ricorda i nostri peccati per amore verso di noi: per rendermi consapevole del mio peccato, per purificarmi e per darmi una vita sempre più piena. Come possiamo vedere, il sacramento della Penitenza perde completamente il suo significato indipendentemente dalla fede in Cristo Salvatore. Ma anche la fede in Cristo il Salvatore grida per sbloccare le inibizioni che limitano la conoscenza di sé sulla nostra peccaminosità. E che il sacramento della Penitenza può essere utilizzato per essere facilmente sciolto dalle responsabilità? Sfortunatamente, non è l’unico bene che può essere abusato o sottoutilizzato. Una corrente elettrica può uccidere un uomo, la fisica ha provocato una bomba atomica tra l’altro, e lo sviluppo di opere di misericordia può chiudere gli astanti ai bisogni dei nostri vicini: “Non ci interessa, ecco perché sono diversi!” Ma dopo tutto, il sacramento della penitenza è esattamente l’opposto: aumentare la responsabilità non solo per le nostre azioni, ma per noi stessi in generale. Poiché l’essenza dell’atteggiamento penitenziale è la volontà di riparare ciò che nel male causato da me può ancora essere riparato, il pentimento per i peccati (non solo emotivo, ma l’intera persona, e quindi espresso, tra l’altro, nell’apertura al potere curativo di Cristo, nel protendersi attivamente alla grazia. sacramentale), una decisione di correggere, cioè basata sulla grazia di Dio, sforzandosi di correggere il mio atteggiamento nella vita. L’assoluzione di Dio non ci assolve dalla responsabilità, ma la attiva. Tuttavia, riduce in noi la necessità di cercare varie apparenti assoluzioni, e queste anche per loro natura soffocano il senso di responsabilità in noi.